Le 10 cose che devi fare quando cambi un tema WordPress

Home/Blog/Le 10 cose che devi fare quando cambi un tema WordPress

Le 10 cose che devi fare quando cambi un tema WordPress

WordPress permette di cambiare facilmente tema, così da rendere completamente personalizzabile il design del blog. Una funzione che permettono anche a chi non è un web designer e ha limitate conoscenze di CSS/HTML/ecc… di ottenere ottimi risultati.

Ma ci sono numerosi punti critici da affrontare quando si cambia il design di un blog, così da assicurarsi di aver fatto un buon lavoro.

  1. La Sidebar sarà sovrascritta. Tanti dedicano molto tempo a modificare con vari elementi la barra del proprio blog, aggiungono testi, pubblicità, link, widget, ecc… Ma se avete un tema che supporta i widget queste modifiche sono in molti casi un’inutile perdita di tempo. Se il tema non supporta i widget, o comunque volete fare dei cambiamenti manuali, prima di attivare un nuovo tema salvate il contenuto della vostra Sidebar in un file di testo, così da poterne rapidamente recuperarla e riposizionarne i contenuti, come e dove preferite.
  2. Reinserite il Tracking Code delle statistiche. Molte persone usano delle statistiche che richiedono l’inserimento di un codice di tracciamento nelle pagine (ad esempio Google Analytics, 103bees, ecc…) Generalmente questo codice viene inserito nell’header o nel footer del tema. Quando cambiate tema ricordate di reinserire il codice e di verificare che il tracciamento delle visite avvenga correttamente. Stesso discorso se utilizzate Google Webmasters Tools. Google Webmasters Tools richiede infatti una verifica di proprietà dei siti, attraverso l’upload di un file (in questo caso cambiare il tema WordPress risulterà irrilevante) o inserendo un codice tra i meta nell’header. Se avete adottato questa soluzione ricordate di riposizionare il codice nel nuovo tema, e di verificare che tutto funzioni correttamente.
  3. Controlla quali Plugins ti servono. Quando cambi tema non è detto che tutti i plugin che usavi con il precedente ti servano ancora. Molti plugin potrebbero non essere più necessari o magari ridondanti rispetto ad alcune funzioni native del tema. Ad esempio, se usavi Optimal Title plugin (che consigliamo di provare) per mettere il titolo del post prima di quello del blog, migliorando il SEO, questo potrebbe non servire più al momento del cambio del tema, se il nuovo tema prevede già questa organizzazione per i titoli. Spesso ti ritrovi con plugins che non usi più, il cambiamento del tema è un buon momento per fare pulizia.
  4. Verifica quali Plugins funzionano. Alcuni plugin necessitano di modifiche al template e potrebbero non funzionare più quando cambiate tema al blog. In questi casi dovrete ripetere le modifiche al tema. Un buon esempio è il Related Entries plugin che richiede l’inserimento di un piccolo codice nei file del tema WordPress. Alcuni plugins potrebbero avere problemi di visualizzazione con i nuovi CSS, in questo caso dovrete apportare delle modifiche per adattarli al nuovo tema.
  5. Modifica forma e colori delle pubblicità. Se usi Google AdSense, Text-Link-Ads o altre pubblicità cambia lo schema di colore per adattarlo al tema del tuo blog. Quando cambi un tema è sempre bene sistemare il colore dei link e integrare al meglio i banner pubblicitari. Nel caso di Google AdSense se utilizzi AdSense Deluxe ti sarà molto semplice modificare i colori in WordPress. Per Text-Link-Ads puoi fare le modifiche usando l’apposito plugin.
  6. Assicurati che l’iscrizione ai tuoi feed funzioni. L’iscrizione ai feed RSS è importante e va sempre controllato che funzioni. Prova ad iscriverti al tuo sito. Se utilizzi FeedBurner, iscriviti dal suo link. Quando ti scrivi con l’URL del blog il tuo RSS Reader cercherà automaticamente i feeds disponibili, assicurati che trovi quello che vuoi.
  7. Prova tutte le funzioni. Quando scegli un tema per WordPress probabilmente non ne conosci tutti gli aspetti, le pagine, la ricerca, le categorie, gli archivi, ecc… Quando attivi un nuovo tema testa ogni cosa per evitare brutte sorprese. Uno dei problemi maggiori è che qualcosa non risulti formattato come vuoi, dovrai quindi testare tutto e fare le eventuali modifiche, dove necessario.
  8. Fai test con diversi Browser. Molte persone dimenticano di fare test con browser diversi, ma questo è davvero importante. Se usi un Pc ti sarà facile testare il tuo blog in Firefox e Internet Explorer. Su Mac puoi testarlo con Firefox e Safari.
  9. Sii prudente nelle modifiche. Prima di apportare modifiche radicali ad un tema fate dei piccoli passi. Apportate piccoli aggiustamenti, fate test con vari browser e verificate i risultati. E’ importante e vi permette di imparare bene cosa fare prima di dedicarvi a cambiamenti più significativi.
  10. Parla del cambio di tema sul tuo blog. Avvisa i tuoi lettori del cambio di design del tuo blog. Chiedi loro cosa ne pensano. I tuoi utenti avranno diverse impostazioni, risoluzioni, browser, ecc… e potranno dirti come visualizzano il tuo blog.

Fonte Articolo: InstigatorBlog

By | 2016-11-16T14:52:05+00:00 Maggio 18th, 2012|Blog|0 Comments

Leave A Comment